Naturale, artificiale, sintetico: la fotografia interroga il paesaggio contemporaneo